Prima di decidere se cominciare a dividere il tuo cammino con un quadrupede peloso fermati a riflettere su alcune cose.

La salute del tuo amico dipende in buona parte dall’alimentazione, quindi fai attenzione alla qualità del cibo e alle dosi.

Considera che l’età media di un cane è di 15 anni.Questo significa che per almeno 15 anni dovrai occuparti di lui. Dovrai occuparti di lui a Natale, a Capodanno, a Ferragosto, col sole o con la pioggia, col mal di denti o con l’umore a terra, quando ne hai voglia e quando faresti decisamente volentieri altro. Dovrai occuparti di lui quando sarà vecchio e/o malato, perché stai certo che prima o poi capiterà.

Considera che un cane deve andare fuori a fare i suoi bisognini almeno 3/4 volte la giorno. Non importa la grandezza della tua casa, ma solo quella del tuo cuore. Un cane anche molto grosso può stare benissimo in un appartamentino, purché tu lo porti fuori abbastanza per farlo muovere, correre e giocare.

Un requisito fondamentale per accogliere un cane nella propria famiglia è la pazienza. Amare il proprio compagno significa prima di tutto rispettare i suoi tempi, il suo carattere, senza volerlo forzare a far cose per cui non è pronto o che semplicemente non gli vanno. Per i primi tempi devi avere pazienza se fa pipì sul tappeto o se frigna o se è spaventato e quindi non ti fa tante feste: la tua casa per i primi tempi non è ancora per lui un ambiente familiare e rassicurante. Se poi si adatta subito meglio così, ma non lo puoi pretendere.
All’inizio andando a spasso è probabile che si spaventi al minimo rumore per cui non dovrai mai lasciarlo libero senza guinzaglio (almeno per i primi mesi) dovrai usare un collare che non si possa sfilare o meglio una pettorina.
Ricorda sempre che i cani perdono un po’ di pelo e alcuni sbavano in giro, ma se vorrai bene al tuo saprai amare il suo pelo appiccicato sul cappotto e le sbavatine sui pantaloni.

Se sarai fortunato e il tuo amico non avrà problemi di salute, dovrai comunque provvedere ogni anno – come ti spiegherà il tuo veterinario di fiducia – alla profilassi per la filariosi cardio-polmonare e le altre vaccinazioni.

Per essere identificato con facilità il tuo cane, oltre ad essere regolarmente provvisto di microchip ed iscritto all’anagrafe canina, dovrà sempre circolare con medaglietta recante il tuo recapito telefonico.

I pasti vanno somministrati almeno 2 volte al giorno (meglio sarebbe 3 volte). L’alimentazione la puoi scegliere a seconda:

  • della tua disponibilità di tempo per la preparazione
  • dei gusti del tuo compagno e delle sue condizioni fisiche o particolari patologie
  • delle tue possibilità economiche
  • ovviamente sempre nel rispetto della salute dell’animale.

IMPORTANTISSIMO

Le passeggiate e le corse si fanno o prima dei pasti o dopo almeno tre ore dal pasto.

Dopo, uno sforzo fisico – provocando torsione gastrica –